Houston e Golden State in finale a Ovest. Jazz e Pelicans lottano, ma non basta

houston golden state




Alla fine i più forti vengono sempre fuori. E’ il caso di Cleveland, che dopo aver patito le pene dell’inferno per superare gli Indiana Pacers si è sbarazzata in sole 4 gare dei Toronto Raptors, che pure avevano dominato la Eastern Conference. E’ il caso di Houston e Golden State, che a differenza dei Cavs hanno concesso una gara alle loro rispettive avversarie (Jazz e Pelicans) ma alla fine hanno ottenuto il passaggio alla finale di Conference, dove Rockets e Warriors daranno vita ad una serie imperdibile.

Partiamo dal Toyota Center, dove gli uomini di Mike D’Antoni si sono imposti su Utah 112-102, conquistando così il punto decisivo per la qualificazione al penultimo atto della post-season. Per i Jazz una serata non facile viste le assenze di Rubio ed Exum, a cui si è aggiunta quella di Donovan Mitchell, costretto ad abbandonare la contesa nell’ultimo quarto. Troppa sfortuna per la franchigia di Salt Lake City, che non è riuscita a reggere l’uragano Chris Paul: 41 punti, 10 assist, 7 rimbalzi e nessuna palla persa, uno score impressionante per il 33enne, alla sua prima finale di Conference.

Utah aveva tenuto molto bene il campo nella prima metà di gara, arrivando all’intervallo sotto di 8 lunghezze. Un margine recuperabile. Nel terzo quarto si scatenano Mitchell (24 punti) e Burks (22): i Jazz sorpassano e a metà ultimo quarto sono sopra di 3. Ma quando il rookie lascia il campo per infortunio, Utah si spegne: i 13 punti consecutivi di Paul fanno impazzire il Toyota Center e condannano i Jazz all’eliminazione.

Va in finale di Conference anche Golden State, che in gara 5 batte 113-104 New Orleans. Bella prestazione dei Pelicans, che non mollano fino all’ultimo, grazie soprattutto a Davis (34 punti e 19 rimbalzi) e Holiday (27 punti e 11 assist). Dopo un primo tempo complicato, i Warriors vengono fuori nella ripresa: Curry è incontenibile (28 punti), Durant (24) e Thompson (23) rispondono presente. La Oracle Arena può festeggiare.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi