La lettera di Bryant al Kobe 17enne: “Investi nel futuro della tua famiglia”




kobe bryant letteraUna lettera al Kobe Bryant 17enne. A scriverla è proprio… Kobe! Il campionissimo NBA, che ha annunciato durante la stagione appena conclusa il ritiro dal basket giocato, si è rivolto al Bryant giovanissimo, quel Bryant che stava per approdare ai Los Angeles Lakers per iniziare un’incredibile carriera, condita da 5 titoli NBA (2000, 2001, 2002, 2009, 2010), 2 ori olimpici (2008, 2012) e 18 partecipazioni all’All Star Game.

La lettera non si sofferma sul Kobe giocatore, ma sul Kobe “esterno”, sul suo rapporto con la famiglia e gli amici ora che il destino gli sta regalando la miglior vita possibile. Suggerimenti, consigli, per non fare gli stessi errori che fece proprio Kobe Bryant nel corso della sua carriera. Errori che ancora oggi addolorano il campionissimo. 

“Caro me stesso 17enne,

quando domani si avvererà il tuo sogno di diventare un giocatore dei Los Angeles Lakers, dovrai riuscire a trovare un modo per investire nel futuro della tua famiglia e dei tuoi amici. È una cosa che sembra facile, e potresti pensare che sia anche stupida, ma prenditi un momento per pensarci meglio.

Ho detto INVESTIRE.

Non ho detto DARE.

Lascia che ti spieghi.

Donare cose materiali ai tuoi fratelli e amici sembrerebbe la cosa giusta. Tu sei affezionato a loro, e loro sono sempre stati lì, ad aiutarti, mentre crescevi, dunque è giusto che condividano con te il tuo successo e tutto quello che viene con esso. Dunque, regala loro una macchina, una casa grande, paga le loro bollette. Vuoi che vivano una vita bella e comoda, giusto?

Ma verrà il giorno in cui ti renderai conto che, mentre pensavi di fare la cosa giusta, in realtà li stavi tenendo lontani.

Capirai che ti stavi prendendo cura di loro perché questo TI faceva sentire bene, TI rendeva felice vederli sorridenti e senza alcun problema – e questa è una cosa molto egoista. Mentre tu ti sentivi soddisfatto di te stesso, stavi lentamente divorando i loro sogni e le loro ambizioni. Stavi aggiungendo cose materiali alle loro vite, ma stavi togliendo loro il regalo più prezioso di tutti: l’indipendenza e la crescita.

Capisci che tu sei il leader della famiglia, e questo implica la necessità di prendere decisioni difficili, anche se i tuoi fratelli e i tuoi amici non riusciranno a capirle all’inizio.

Investi nel loro futuro. Non dare e basta.

Utilizza il tuo successo, la tua ricchezza e la tua influenza per metterli nelle migliori condizioni per poter realizzare i loro sogni e trovare il loro scopo personale nella vita. Aiutali a superare la scuola, a trovare un impiego e a diventare padroni di se stessi. Fai che anche loro usino la stessa quantità di duro lavoro che hai utilizzato tu per essere dove sei ora, e per andare dove stai andando.

Ti scrivo ora perché tu possa cominciare questo processo immediatamente, cosicché tu non debba aver a che fare con il dolore e la fatica di dover togliere loro tutte quelle cose che avevi dato. La dipendenza porta soltanto a rabbia, risentimento e gelosia per tutte le parti coinvolte, incluso te stesso.

Con il passare del tempo, li vedrai crescere in maniera indipendente, avere le loro ambizioni, la loro vita, e il tuo rapporto con tutti loro sarà molto migliore.

Ci sarebbero tantissime altre cose che potrei scriverti, ma so che, a 17 anni, non avrai l’attenzione necessaria per leggere più di 2.000 parole.

La prossima volta che ti scriverò, potrei parlarti del pericolo di mischiare il sangue con gli affari. Il consiglio più importante che ti do è di assicurarti che i tuoi genitori rimangano GENITORI, e non manager.

Prima di firmare il primo contratto, cerca di capire quale sia il budget giusto per i tuoi genitori – quello che possa permettere loro di vivere in maniera splendida e che possa permettere a te di accrescere i tuoi affari e preparare le altre persone per un successo a lungo termine. In questo modo, i tuoi nipoti e i loro figli saranno in grado di investire nel loro futuro quando arriverà il loro tempo.

La tua vita sta per cambiare, e le cose arriveranno molto velocemente. Ma lascia tutto questo sullo sfondo quando ti vai a coricare, la sera, dopo un’altra giornata di allenamento di 9 ore.

Fidati di me: fare le cose nel modo giusto sin dal principio ti eviterà una tonnellata di lacrime e di dolori, alcuni dei quali rimangono anche in questi giorni.

Con affetto,

Kobe”.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi