LeBron leggendario: 57 punti! Cleveland batte Washington (122-130) e scaccia la crisi

lebron cleveland washington




“Quando non sai come uscire dai guai, chiama al volo i Power Rangers…”, recitava la sigla di un noto telefilm per ragazzi anni ’90. Ecco, ieri LeBron James si è trasformato in una sorta di supereroe per far “uscire dai guai” i Cleveland Cavaliers. La truppa di coach Lue stava attraversando uno dei momenti più difficili degli ultimi anni: quattro sconfitte consecutive, di cui due di fila alla Quicken Loans Arena. Uno score tremendo per un team che ha disputato le ultime tre Finals, vincendo anche un anello. E la sfida sul parquet dei temibili Washington Wizards rischiava di peggiorare ulteriormente il tabellino.

Ecco perchè in questi casi ci si affida, per l’appunto, a qualcosa di “sovrumano”. Ieri “King James” ha praticamente vinto la gara da solo: nel 122-130 su Wizards pesano pazzescamente i suoi 57 punti. Seconda miglior performance della carriera e settimo giocatore della storia ad abbattere il muro dei 29.000 punti in carriera: a tutto ciò vanno aggiunti anche 11 rimbalzi e 7 assist e una prestazione nel complesso da “miglior giocatore al mondo”.

La performance stellare di LBJ non spazza via tutti i dubbi sui Cavs di questo inizio di stagione, anche se ieri sera la difesa ha funzionato leggermente meglio rispetto alle ultime uscite. Quarta sconfitta su otto gare per Washington, che pure aveva trovato grandi risorse in uno splendido Beal (36 punti) e nei 15 assist di Wall. Ma di fronte ad un LeBron così non c’era davvero nulla da fare.

Boston vince l’altro big match di giornata, confermando il suo momento particolarmente positivo. Oklahoma esce sconfitta 94-101 dopo aver dilapidato un vantaggio di 18 punti. Nel secondo tempo salgono in cattedra Irving (25 punti) e Horford (20) e per OKC è notte fonda. L’ultimo ad arrendersi è George (25 punti) ma il suo canestro del -3 è subito vanificato dal lay-up di Irving che riporta i Celtics avanti di 5 a 14 secondi dalla sirena e chiude di fatto la gara.

Torna a vincere San Antonio (108-101 contro Charlotte), mentre i Sixers infilano la quarta vittoria consecutiva: al Wells Fargo Center cadono anche gli Indiana Pacers (121-110), con 31 punti di Redick e la tripla doppia di Ben Simmons (14 punti, 11 rimbalzi e 11 assist).

 




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi