30 teams in 30 days: ecco Memphis, Chicago e Portland




memphis chicago portlandLo scorso 19 giugno i Cleveland Cavaliers hanno vinto il loro primo titolo NBA: da quel momento, le squadre NBA hanno subito una serie di cambiamenti nel corso di questi mesi estivi.

Shaun Powell di NBA.com sta curando un’interessante rubrica, dal titolo “30 teams in 30 days” (30 squadre in 30 giorni), dove analizza mercato, roster, condizione e ambizioni delle franchigie NBA. Un team per ogni giorno del mese: Powell ha cominciato lo scorso 1 settembre con la squadra che ha realizzato il peggior record nella regular season 2015-16, ovvero i Philadelphia 76ers, per poi proseguire ‘in crescendo’. Il 30 settembre, infatti, non troverete i Cleveland Cavaliers (per i Cavs appuntamento al 28 settembre, ndr), ma i Golden State Warriors, che hanno totalizzato il miglior record nella regular season. Anche se poi la finalissima playoff è andata come sappiamo tutti…

MEMPHIS GRIZZLIES 

Dopo diversi anni a buonissimo livello, la scorsa stagione è stata piuttosto deludente per i Grizzlies. Che sono riusciti a confermare Mike Conley, ma a che prezzo: 153 milioni di dollari in cinque anni, il giocatore più pagato di sempre in NBA. E lo stesso vale per Chandler Parsons, arrivato dai Mavericks, che ha firmato un quadriennale a 94 milioni di dollari. Tuttavia, il bilancio dei Grizzlies sembra solido. E proprio da Parsons – un abile realizzatore che sa anche aprire spazi per i compagni – ci si attendono grandi cose. Fizdale ha preso il posto in panchina di Joerger: all’ex spalla di Spoelstra il compito di trovare la quadra. Il quintetto base –  Conley, Randolph, Allen, Gasol e Parsons- presenta buone garanzie.

CHICAGO BULLS 

L’aver mancato i playoff – non succedeva dal 2007-2008 – deve aver fatto molto male dalle parti di Chicago, che si è resa protagonista di un ottimo mercato. Perso Derrick Rose, i Bulls si sono assicurati Dwyane Wade e Rajon Rondo, che vanno così a formare un trio di tutto rispetto con Jimmy Butler. I tre All-Star dovranno però essere bravi e intelligenti nel saper giocare a servizio della squadra, evitando personalismi: su questo dovrà lavorare Fred Hojberg, anche perchè Rondo ha pure un bel caratterino, specialmente nei confronti dei coach. I Bulls sono riusciti a rimpiazzare Noah con Robin Lopez: se ne parla poco, ma potrebbe rivelarsi una gradita sorpresa.

PORTLAND TRAIL BLAZERS 

44 successi in regular season, Clippers eliminati al primo turno e sconfitta a testa altissima contro Golden State: Portland è stata una delle note più liete della scorsa stagione. E quest’anno ci si attende un passo avanti, grazie alla verve degli uomini migliori: Lillard, McCollum e Allen Crabbe, che ha rifirmato un quadriennale a 75 milioni di dollari con i Trail Blazers. Portland trova la sua forza principale nella difesa, grazie anche all’ingaggio di Evan Turner. Confermato anche Meyers Leonard, che dovrebbe aver superato i suoi problemi fisici. Molta attesa per il nigeriano Festus Ezeli, liberato da Golden State.

Puntate precedenti: 1, 2, 3, 4, 5




Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi