MVP, trionfa Russell Westbrook: “Realizzato un sogno”. D’Antoni miglior coach




westbrook mvp Russell Westbrook è l’MVP della stagione NBA 2016/2017. Un successo strameritato per il ‘top player’ di Oklahoma, che ha disputato un’annata semplicemente spaziale: tantissimi match vinti praticamente da solo a suon di “triple doppie”, una vera specialità della casa.

Una serie infinita di “triple-double” che ha permesso a Westbrook di battere il record di una leggenda come Oscar Robertson, che resisteva addirittura da 55 anni. Ma come ha scritto lo stesso Robertson in una lettera di congratulazioni rivolta al giocatore di OKC dopo la 42esima tripla doppia realizzata sul parquet di Denver, “i record sono fatti per essere battuti”. Russell ha fatto di più, dato che ha mantenuto la tripla doppia di media per l’intera stagione: l’ultimo a riuscirci fu proprio “sua Maestà” Robertson.

Insomma, qualcosa di pazzesco che non poteva che essere premiato con l’MVP. Westbrook ha spinto Oklahoma ai playoff con la forza di un uragano, facendo dimenticare l’estate turbolenta caratterizzata dall’addio dell'(ex) amico Kevin Durant, passato ai Golden State Warriors. Il fenomeno dei Thunder giunge davanti a James Harden e Kawhi Leonard, altri due protagonisti assoluti di questa stagione. “Siamo grandi amici, hanno entrambi giocato una stagione fantastica – ha detto Westbrook in sala stampa, dopo essere salito sul palco per ricevere il premio dal numero uno della Lega, Adam Silver – Ricordo quando da bambino giocavo ai videogame con mio padre, dicendogli che volevo diventare MVP. Lo dicevo per scherzo, e ora invece ho il trofeo qui accanto a me. È incredibile, non avrei mai potuto immaginarlo”.

La serata ha regalato una grande soddisfazione anche per l’Italia: Mike D’Antoni è stato eletto coach dell’anno, grazie alla sua eccellente stagione con Houston. D’Antoni, sul palco, ha ringraziato anche Dan Peterson e i 21 anni nel nostro Paese: “Un’esperienza fondamentale per me – ha ribadito il coach dei Rockets – Non smetterò mai di ringraziare Peterson e l’Italia”. Il miglior difensore dell’anno è Draymond Green (Warriors), mentre Giannis Antetokounmpo è il “più migliorato dell’anno”. Ad un giocatore di Milwaukee anche il “Rookie of the Year”: si tratta del classe 1992 Malcolm Brogdon.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi