NBA, Bargnani torna in Europa: giocherà in Spagna. Stoudemire si ritira… da giocatore dei Knicks




bargnani Il “Mago” torna in Europa. Andrea Bargnani lascia l’NBA e fa rientro nel Vecchio Continente. L’atleta azzurro ha infatti firmato un contratto biennale con gli spagnoli del Laboral Kutxa Baskonia.

Il 30enne italiano era rimasto senza squadra dopo le esperienze nel massimo campionato professionistico statunitense con le casacche dei Toronto Raptors, New York Knicks e Brooklyn Nets.

L’ultima esperienza, quella con i Nets, era durata solo sei mesi: a Febbraio il team di Brooklyn e Bargnani avevano optato per una risoluzione consensuale del contratto.

Il club iberico è stata una delle grandi sorprese dell’Eurolega, avventura giunta fino alle Final Four e poi terminata con l’eliminazione in semifinale (ai supplementari) da parte del Fenerbahce di Gigi Datome, a loro volta sconfitti in finale dal CSKA.

“Sono felice di entrare a far parte di un grande e storico club come il Baskonia che è stato protagonista negli ultimi anni sia in Eurolega che nella ACB – ha scritto Bargnani su Facebook – Continuare ad avere un ruolo importante all’interno di un progetto ambizioso era l’obiettivo personale principale che mi ero prefissato. Non vedo l’ora di iniziare. Un saluto a tutti i miei nuovi tifosi”.

Intanto altre due notizie di rilievo giungono dal mondo NBA. Tyronn Lue ha rinnovato con Cleveland, diventando così uno dei coach più pagati dell’NBA (35 milioni di dollari, ndr), eguagliando Scott Brooks (Washington Wizards), Rick Carlisle (Dallas Mavericks), e Stan Van Gundy (Detroit Pistons). Il più ‘ricco’ resta Gregg Popovich, che gode di un quinquennale da 55 milioni di dollari.

Lue, 39 anni, ha trascinato i Cavaliers all’anello la scorsa stagione. Un successo straordinario, arrivato dopo una rimonta incredibile in finale su Golden State (da 1-3 a 4-3).

Amar’e Stoudemire si ritira dal basket giocato. L’ala grande, 34 anni, ha detto basta in un modo alquanto singolare e romantico: ha firmato per un solo giorno con i New York Knicks, la sua squadra del cuore. Stoudemire ha voluto fortemente che quella dei Knicks diventasse la sua ultima casacca: “Voglio ringraziare Mr. Dolan, Phil Jackson e Steve Mills per avermi fatto firmare questo contratto così da potermi ritirare da giocatore dei Knicks. Nonostante la mia carriera mi abbia portato anche da altre parti, il mio cuore è rimasto sempre a New York. Once a Knick, always a Knick“.

 




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi