NBA Finals, riscatto Golden State: 3-1 ai Cavs, titolo ad un passo




finals nbaGolden State ad un passo dal titolo. I gialloblu di Oakland riscattano immediatamente la sconfitta in gara 3 sul parquet di Cleveland, ed espugnano proprio la Quicken Loans Arena (108-97), portandosi sul 3-1 nelle Finals: ora l’anello è veramente molto vicino, e già gara 5 ad Oakland può assegnare il titolo agli uomini di Steve Kerr.

Avevamo detto che finora il grande assente di questa finale era Steph Curry. Il play gialloblu non era ancora riuscito a trascinare Golden State con una delle sue prestazioni scintillanti. Bene, abbiamo parlato troppo presto: 38 punti in 39 minuti, 7/13 da tre, 5 rimbalzi e 6 assist. Praticamente il migliore in campo in una delle sfide più delicate, con Cleveland caricata dalla roboante affermazione in gara 3 e dal vantaggio di poter giocare nuovamente di fronte al proprio pubblico. Insomma, quando la posta in palio è alta e la palla comincia a scottare, Curry non delude mai.

Non solo Curry, comunque. La vittoria di Golden State si basa anche sui 25 punti di Klay Thompson e sulle performance nettamente positive di Barnes (14 punti, 4/5 da tre), Igoudala e Green, autorevoli e concentrati in difesa.

Cleveland non ha potuto nulla, nonostante i 34 punti di Irving. LeBron (che ha già perso quattro Finals in carriera) non ha mantenuto i livelli pazzeschi di gara 3, fermandosi a 25 punti (pur con 9 assist e 13 rimbalzi). Deludente Kevin Love, male a rimbalzo e carente in fase di realizzazione. Nessuna squadra ha mai rimontato l’1-3 in finale NBA: ecco perchè l’impresa a cui è chiamata Cleveland appare a dir poco disperata. Specie se l’avversario si chiama Golden State.

La sfida (probabilmente la più bella della serie) ha visto un primo tempo tutto sommato equilibrato, con i Cavs sempre dentro la partita. La prima sirena vede i Warriors avanti di un punto (29-28), con un redivivo Curry e un LeBron piuttosto attivo. Nel secondo quarto sale in cattedra Irving, e i Cavs vanno al riposo sul 55-50. Ad inizio secondo tempo il vantaggio per Cleveland diventa di 8 punti. Golden State potrebbe crollare, e invece si rialza: gli Splash Brothers cominciano a segnare da tutte le parti, i Warriors tornano avanti 79-73.

Controsorpasso Cleveland ad inizio ultimo quarto (81-79), ma da adesso in poi i Cavaliers sbaglieranno 9 tiri consecutivi. Praticamente il sigillo sulla sconfitta. A poco più di 3 minuti dalla fine Curry sigla il +10 (96-86), i Cavs provano a reagire, ma i Warriors controllano e volano sul 3-1. Cleveland perde la prima partita in casa in questi playoff. Gara 5 ad Oakland nella notte tra lunedì e martedì: la Oracle Arena è pronta a spingere i propri eroi verso il secondo anello consecutivo.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi