NBA, Rockets inarrestabili: ottavo successo di fila. Cleveland cade a Memphis




houston ottavoE sono otto. Non si fermano più i Rockets di coach D’Antoni, che inanellano l’ottavo successo consecutivo (132-98) e volano ai piani alti della graduatoria a Ovest. Il protagonista, manco a dirlo, è sempre lui: James Harden, che infila la quinta tripla doppia stagionale (la quattordicesima in carriera) con 15 punti, 14 assist e 11 rimbalzi.

Niente da fare per Sacramento, che viene presa a schiaffi dall’attacco di Houston e finisce sotto di 10 già nel primo quarto. Certo, l’assenza di due pedine fondamentali come Cousins e Gay ha pesato tantissimo: privi degli uomini migliori, i Kings sono stati davvero asfaltati dai Rockets che nella terza frazione hanno dapprima raggiunto il +20 per poi dilagare con un parzialone da 18-5.

Continua la sua marcia anche Toronto, che espugna 114-123 il parquet dei Philadelphia 76ers. Se Embiid e Saric non aumentano i giri, per Phila si fa (e si farà) sempre molto dura: la coppia di rookie mette insieme appena 11 punti, troppo poco per contrastare la verve dei canadesi, trascinati da un imprendibile DeRozan (31 punti) e dal sempre presente Lowry (20 punti e 7 assist). I 76ers non giocano un brutto match, tutt’altro: sulle ali dell’entusiasmo per le due vittorie esterne consecutive, i padroni di casa si lanciano all’arrembaggio e nella parte iniziale della gara conducono le operazioni. Ma all’intervallo è già +6 per Toronto, che diventerà addirittura +19 all’inizio degli ultimi 12′. La reazione di Phila è encomiabile, ma insufficiente.

I Clippers fanno il colpaccio a Orlando (108-113) grazie ai 23 punti di Griffin e ai 22 di Jordan, oltre alla “doppia doppia” da 16 punti e 10 assist di Paul. Nonostante i 33 punti di Gordon, i Magic vanno ko negli ultimi due minuti, quando LA costruisce il +9 che diventerà irrecuperabile per i padroni di casa.

Un’altra grande serata per i Memphis Grizzlies, che si tolgono lo sfizio di battere anche i campioni in carica dei Cleveland Cavaliers (93-85) dopo aver sconfitto la corazzata Golden State. Lue tiene a riposo le stelle LeBron, Irving e Love, e si vede: Cavs praticamente disastrosi in attacco, all’inizio dell’ultimo quarto Memphis è addirittura sul +21.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi