NBA, Stoudemire ci ripensa e va all’Hapoel! Boozer torna a giocare in Cina




stoudemire Era piaciuta a tutti la dichiarazione d’amore di Amar’e Stoudemire, che aveva deciso di ritirarsi dal basket giocato firmando per un solo giorno con i New York Knicks, la sua squadra del cuore. “Voglio ringraziare Mr. Dolan, Phil Jackson e Steve Mills per avermi fatto firmare questo contratto così da potermi ritirare da giocatore dei Knicks”, disse il 34enne nemmeno una settimana fa.

E invece, colpo di scena: Stoudemire non si ritira e continua a giocare. Ma non nell’NBA: l’ala grande ha deciso di proseguire la sua carriera in Israele, alla corte dell’Hapoel Gerusalemme allenata dal nostro Pianigiani.

La notizia non è stata ancora ufficializzata, ma secondo fonti statunitensi sarebbe praticamente tutto fatto per il passaggio di Stoudemire all’Hapoel e l’annuncio sarebbe imminente.

Un ripensamento da parte di Stoudemire che non è affatto frutto del caso. Amar’e ha più spesso dichiarato di essere ebreo da parte di madre, e ha visitato Israele nel 2010, restandone incantato: tanto che tre anni più tardi entrò nella cordata che acquistò l’Hapoel Gerusalemme, diventando parte integrante del gruppo di management guidato dall’attuale presidente del club israeliano, Ori Allon.

Pertanto, STAT (acronimo per “Standing Tall And Talented”) sarebbe sul punto di accettare l’offerta dell’Hapoel dopo 14 stagioni straordinarie in NBA con le maglie di Phoenix, New York, Dallas e Miami: sei volte All-Star, rookie dell’anno nel 2003, per due volte nel miglior quintetto stagionale, 846 partite in NBA. Una leggenda, che va ad affrontare una nuova avventura, dove sarà spalleggiato da vecchie conoscenze del nostro campionato come  Curtis Jerrels, Jerome Dyson e Tarence Kinsey e da israeliani di indubbio talento come Yotam Halperin e Lior Eliyahu.

Intanto, un altro giocatore NBA starebbe meditando di ‘espatriare’. Stiamo parlando di Carlos Boozer, che potrebbe vestire la casacca dei cinesi dei Southern Tigers di Guangdong. Boozer viene da un anno ‘sabbatico’ dopo la sua avventura ai Los Angeles Lakers, che gli ha riservato ben poche soddisfazioni.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi