Playoff NBA, niente da fare per Oklahoma: Spurs avanti 2-1 nella serie




spursthunderChi si aspettava gli Spurs rabbiosi dopo la bruciante sconfitta in gara 2 non è rimasto deluso. L’errore arbitrale – ammesso dagli stessi direttori di gara – che ha permesso ad Oklahoma di pareggiare la serie ha fatto sì che San Antonio scendesse sul parquet con una convinzione maggiore, rendendosi insuperabile per i Thunder.

Il protagonista del match è un infinito Tony Parker. Trentatrè anni di splendore per il francese, che riesce ancora a disegnare pallacanestro e a permettere ad Aldridge e soci di andare sul velluto. Oklahoma pasticcia troppo al tiro, grazie anche ad un ottima difesa degli Spurs: Westbrook ne fa comunque 31, ma perde anche un paio di palle nel finale che grondano ancora sangue.

Parker, dicevamo. Sì, perchè il buon vecchio Tony regala una performance strepitosa, sale in cattedra e ammutolisce tutti con 19 punti, 5 assist e 8 rimbalzi. Un fuoriclasse assoluto: con lui in piena forma e la coppia Aldridge-Leonard sempre così scatenata, Popovich può turbare il sonno a Golden State.

Ma non è ancora tempo di pensare ai Warriors, anche perchè la serie contro Oklahoma vede gli Spurs avanti solo 2-1. E poi i Thunder non vogliono certo fare le vittime sacrificali. Certo però serve qualcosa in più, non bastano i soli Westbrook e Durant (pur con un Ibaka ammirevole).

Gara 3 parte con San Antonio decisa a fare suo il match: +7 alla fine del primo quarto, che diventa +15 a metà del secondo. Oklahoma però decide che non è ancora arrivato il momento di arrendersi, e all’intervallo chiude con uno svantaggio di sole 5 lunghezze.

Nella ripresa San Antonio sembra compiere l’allungo decisivo, grazie alle realizzazioni di Leonard. Ma il +10 degli ospiti è presto spazzato via dal ritorno dei Thunder. Durant e Westbrook diventano implacabili e permettono ai locali di rimontare e portarsi in vantaggio all’inizio della quarta frazione: 78-77 suggellato da una tripla di Ibaka.

E’ qui che intervengono i diamanti di San Antonio: Aldridge e Leonard si riappropriano di gara 3 e ristabiliscono il vantaggio Spurs, fino al +7 di West a poco più di un minuto dalla sirena. L’ultimo giro di lancetta vive un testa a testa emozionante: Westbrook tenta il miracolo, Parker mette i liberi, Waiters porta Oklahoma a -2 ma Leonard chiude definitivamente i giochi fissando il punteggio sul 100-96.

2-1 per San Antonio quindi, con Oklahoma chiamata al riscatto sul proprio parquet già domenica.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi