Playoff Nba, preview semifinali Western Conference

curry harden




Con gara 7 tra Denver e San Antonio, conclusa con la vittoria dei Nuggets di coach Malone, si è chiuso il primo turno dei playoff di Western Conference. Partono stanotte le semifinali, attesissime e – come d’altronde era chiaro dopo la regular season – l’equilibrio regna sovrano.

Certo, i campioni in carica sono ancora i favoriti, ma i Warriors anche contro i Clippers hanno continuato a mostrare gravi pause, soprattutto a livello difensivo, che hanno portato inaspettatamente la serie a gara 6. Ma andiamo con ordine, e cerchiamo di rendere la vita facile agli appassionati di casino online con bonus senza deposito gratis e che proveranno a scommettere su queste due bellissime sfide che ci terranno col fiato sospeso nelle prossime due settimane.

Preview Denver Nuggets-Portland Trail Blazers

Sono state le due grandi sorprese della regular season, chiusa rispettivamente al secondo e al terzo posto ad ovest. Chi pronosticava una certa inesperienza ai playoff, soprattutto per quanto riguarda i Nuggets, è stato nuovamente smentito: Denver ha battuto in gara 7 una “big” storica come San Antonio e ha spazzato via gli ultimi dubbi sul valore di un gruppo talentuoso e che è cresciuto enormemente attorno al fenomenale Jokic.

Il serbo ha giocato ai suoi livelli anche contro gli Spurs e, probabilmente, avrà vita più facile sotto canestro contro i Blazers. Sarà però un’arma a doppio taglio, molto dipenderà dagli esterni di Denver che dovranno entrare in ritmo e frenare il duo Lillard-McCollum. Capitolo a parte merita proprio Dame Lillard, fantastico protagonista della serie vinta 4-2 contro Oklahoma City, chiusa con un incredibile canestro dalla trequarti che ha mandato in visibilio tutto l’Oregon.

Portland probabilmente parte coi favori del pronostico, i Nuggets potrebbero sia pagare lo sforzo con gli Spurs sia un certo senso di appagamento dopo una stagione vissuta costantemente al di sopra delle aspettativa. Altro 4-2 in vista per i Blazers?

Preview Golden State Warriors-Houston Rockets

Probabilmente a inizio anno tutti sognavano una finale di Conference tra Warriors e Rockets. Il difficile inizio di stagione dei texani ha fatto sì che lo scontro arrivasse prima del previsto, ma la rivincita sarà ugualmente sentitissima.

La storia è nota: 12 mesi fa Houston andò vicinissima ad eliminare Curry e soci, l’assenza di Chris Paul in gara 7 è da molti considerata la vera chiave di quella serie. Proprio CP è probabilmente all’ultimo giro, salute e questione salariale potrebbero allontanarlo dal Texas il prossimo anno. Ci sarà tempo per pensare a questo, ora è tempo di concentrarsi su una serie che sarà incandescente fuori e dentro il campo, con tante ruggini che di certo condizioneranno il gioco.

Golden State aveva il jolly Cousins per i playoff ma l’ha perso; i ragazzi di Kerr restano comunque i più forti, anche al netto di clamorosi vuoti difensivi che sono costati (assieme alla vena di Lou Williams) due partite perse contro i Clippers. Durant, però, è stato semplicemente mostruoso nelle ultime partite contro i LAC, sarà per l’ennesima volta lui il leader offensivo di Golden State, a caccia del three-peat. D’Antoni, dal suo canto, vuole ritrovare la versione mvp di James Harden che si è vista durante tutta la regular season. Il “barba” è andato a fasi alterne contro Utah: non dovesse salire di giri, per i Rockets sarà semplicemente impossibile passare il turno. Pronostico? Un altro 4-3 sarebbe bellissimo. Ma non chiedeteci a favore di chi…




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi