Rullo Golden State, è 3-0. Memphis vince e agguanta gli Spurs (2-2)




golden state portland A Golden State basta un quarto… e mezzo. A metà del terzo periodo, infatti, i Warriors erano sotto di 16 punti al Moda Center: i Trail Blazers, fino a quel momento, avevano davvero creduto di poter riaprire una serie che tutti i pronostici ‘sigillavano’ sul 4-0 per i gialloblu.

Fino a quel momento, appunto. Perchè quando Golden State decide che è il momento di vincere (113-119 il risultato finale), si mette a giocare e sono guai per tutti. Anche senza Kevin Durant, fermato di nuovo dal problema al polpaccio, e addirittura senza coach Kerr, che è rimasto in albergo per un malessere che lo ha colpito nel pre-gara.

Quando servono i campioni, quelli dei Warriors rispondono sempre presente. Gli “Splash Brother”, nell’ultimo quarto, diventano un incubo per la difesa di Portland: specialmente Klay Thompson, che infila 14 dei suoi 34 punti complessivi nel terzo quarto e altri 14 negli ultimi 12′. Ma non si può non sottolineare anche le prove di un sontuoso Green – 9 punti, 8 rimbalzi, 7 assist, 2 recuperi e 6 stoppate – e dei ‘panchinari’ come Igoudala (16 punti, 7 rimbalzi e 3 assist) e McGee.

Portland ha fatto tutto bene per trenta minuti. Il ritorno di Nurkic aveva riportato fisicità sotto canestro, e la coppia Lillard-McCollum non aveva tradito le aspettative. Nel primo tempo è il duo di Portland ad avere la meglio su quello di Golden State, e fino a metà terzo quarto l’andazzo è quello (80-64). Ma da quel momento in poi solo Warriors, che sono ormai ad un passo dalla semifinale di Conference.

Straordinaria Memphis! Nonostante gli infortuni, i Grizzlies impattano la serie (2-2) contro San Antonio. Agli Spurs non è bastata l’ennesima prestazione “monstre” di Kawhi Leonard (43 punti): ai supplementari la spunta la formazione di casa, con il canestro decisivo firmato da Marc Gasol.

Alla Philips Arena non si passa: Atlanta batte Washington 116-98 e riapre la serie (1-2). Ad un super Wall (29 punti e 7 assist) risponde un altrettanto eccellente Millsap (29 punti e 14 rimbalzi), coadiuvato dal solito affidabilissimo Schroder (27 punti e 9 assist). Gli Hawks restano in vantaggio per tutta la durata del match: i Wizards tentano la rimonta nel secondo tempo, ma arrivano al massimo a -13.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi