San Antonio-Golden State 92-112, Popovich perde la testa: espulso

san antonio golden state popovich




Farsi espellere per un doppio tecnico e definire l’arbitro “un terribile c…..e” non è il modo migliore per cominciare la campagna per le presidenziali 2020. Gregg Popovich è stato scherzosamente proposto dal coach dei Warriors, Steve Kerr, e dalla stella di Golden State, Steph Curry, come sostituto di Trump, detestato in tutto il mondo NBA.

Ma ieri, nella sfida che vedeva di fronte i San Antonio Spurs proprio contro i campioni in carica, il coach degli “Speroni” ha perso la testa facendosi cacciare a poco meno di 5 minuti dalla sirena, mentre i Warriors dominavano all’AT & T Center (92-112). Effettivamente, per San Antonio non è un bel periodo: contro Golden State è arrivata la quarta sconfitta consecutiva, un filotto di ko che non si verificava addirittura da sette anni.

Va detto, però, che quando la corazzata di Oakland gira al massimo è quasi impossibile fermarla. Forse senza quasi. Lo ammette lo stesso Popovich in conferenza stampa: “Abbiamo perso contro la squadra più forte del mondo”. Sì, perchè gli imprecisi e confusionari Warriors delle prime uscite stagionali stanno lasciando spazio a quelli veri, quelli che lasciano le briciole all’avversario. Soprattutto, quelli che sbagliano poco e niente in difesa, come invece era accaduto nelle prime gare. Basti pensare che nel secondo tempo gli Spurs hanno messo a referto solo 37 punti, con ben 11 palle perse.

San Antonio ha la grande attenuante di non poter ancora disporre di Kawhi Leonard, che – parola di Popovich – potrebbe tornare “domani come tra un mese”. Resta il fatto che gli Spurs sono riusciti a resistere solo un tempo, arrivando all’intervallo sotto di 5 lunghezze nonostante la verve di Curry e Thompson. Nella ripresa salgono in cattedra Kevin Durant (24 punti e 8 rimbalzi) e il sempre preziosissimo Draymond Green, 16 punti e 7 assist.

Nell’altra gara, Portland batte i Los Angeles Lakers 113-110, con qualche brivido nel finale. Coach Stotts si gode Damian Lillard: 32 punti e 5 assist.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi