Washington – Cleveland, che spettacolo: la spuntano i Cavs all’overtime (135-140)




washington cleveland Emozioni, colpi di scena, ribaltamenti di fronte e spettacolo: se non è stata la partita più bella dell’anno, Washington – Cleveland ci è andata molto vicino. 

A spuntarla sono stati i Cavaliers, che hanno avuto bisogno di un tempo supplementare per avere ragione degli ottimi Wizards (135-140 dts). Ma il match ha offerto davvero tutto quello che un appassionato di pallacanestro può desiderare: lo straordinario canestro di LeBron sulla sirena che manda le squadre ai supplementari, l’eccellente prova di Wall, l’incredibile overtime di Kyrie Irving, Love e Beal strepitosi al tiro da tre. Alla fine vince solo uno, e in questo caso vincono i Cavs: ma i Wizards hanno dimostrato di esserci a pieno, e possono legittimamente ambire ai primi tre posti della Eastern Conference.

Il successo di Cleveland passa attraverso le prestazioni dei suoi “fantastici tre”: Love, Irving e ovviamente LeBron James, che regala ben 17 assist ai suoi compagni. Tuttavia, il primo tempo è ‘capitolino’: Washington è trascinata da un Beal al top della forma (41 punti complessivi) e all’intervallo i padroni di casa sono avanti 57-54. Nella ripresa, però, ecco il sorpasso Cavs: Washington non molla e controsorpassa gli avversari, fino alla straordinaria tripla di LeBron quando mancano solo 3 secondi alla sirena. Si va all’overtime, dove si scatena Kyrie Irving e dove Beal non trova la tripla del nuovo pareggio. Vincono i Cavs, ma ieri al Verizon Center (caduto dopo 17 vittorie consecutive!) ha vinto soprattutto l’NBA.

Altri 27 punti per Russell Westbrook, ma non sono bastati per permettere ai suoi Oklahoma Thunder di avere la meglio sui Pacers. Indiana si prende la 29esima vittoria stagionale: 93-90 agli uomini di coach Donovan, grazie anche ai 21 punti, 8 rimbalzi e 4 assist di George.

Il ritorno sul parquet di DeMar DeRozan fa volare Toronto: il fenomeno di Compton ricomincia esattamente come aveva finito, ovvero con 31 punti che affondano i Clippers (118-109). Ottima ancora una volta anche la prova di Lowry: per lui 24 punti e 8 assist. Quinta sconfitta nelle ultime 6 gare per gli uomini di Doc Rivers.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi