Giorgio Armani pensa in grande: ‘La mia Olimpia può vincere l’Eurolega’




Giorgio Armani, il patron dell’Olimpia Milano, coltiva grandi ambizioni per la stagione che sta per iniziare.

Giorgio Armani è tornato a parlare della sua Olimpia Milano, nel corso dell’evento ‘Emotions of the Athletic Body‘, una mostra che si è tenuta all’Armani Silos di Milano. Da tempo il grande stilista italiano è un appassionato di pallacanestro e ha investito molte risorse per riportare la Milano del basket nel gotha della pallacanestro europea.

Alla vigilia del primo impegno ufficiale del quintetto allenato da coach Repesa (la supercoppa italiana), Giorgio Armani ha parlato delle aspettative che nutre per questa stagione: ‘Le aspettative che ho sull’EA7 Milano quest’anno sono molto grandi. La mia ambizione è quella di vincere lo scudetto e l’Eurolega‘.

Poi è tornato a parlare del caso spinoso relativo alla fascia di capitano tolta dal presidente Livio Proli ad Alessandro Gentile e consegnata a Cinciarini. Una telenovela estiva che ha turbato, e non poco, l’ambiente dell’Olimpia Milano: ‘Gentile è un personaggio molto particolare – ha rivelato Giorgio Armani – l’ho vissuto umanamente in questi anni ed è un bravo ragazzo. Mi dispiace che sia successo con questi modi e questi tempi, si poteva gestire tutto in modo diverso’.

Armani e le olimpiadi negate

Sul ‘no’ di Virginia Raggi, il sindaco di Roma, alla candidatura della capitale alle Olimpiadi del 2024, lo stilista milanese ha voluto dire la sua, esprimendo profondo rammarico per l’occasione che ritiene sprecata: ‘Come imprenditore vorrei andare a fondo, capire di più. Il fatto che Roma non ospiti le Olimpiadi mi dispiace sul piano emozionale, perché le Olimpiadi sono le Olimpiadi, e poi a Roma è un peccato non far leva su una città meravigliosa. Può aver ragione la sindaca o il buon Malagò, che è un amico e si dà molto da fare. Tu dici una cosa in più e quello che dici viene male interpretato, non è sempre capito, spesso di una frase sono due parole che ti fregano’.




Readers Comments (1)

  1. Caro Giorgio, un gentleman come te non potrà mai dire che le Olimpiadi a Roma sono una vergogna nazionale e un insulto agli italiani che dovrebbero pagarle. Già: perché Roma è sempre vissuta sulle spalle altrui. Bene ha fatto la signora Raggi a mandare a quel Paese il signor Malagò e le sue ambizioni di inciucio da vero romano. A lavorare, Malagò…

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi