Il mondo del basket piange la prematura scomparsa di Donzell Rush




E’ morto a soli 43 anni, Donzell Rush, giocatore italo-americano che ha militato in diverse squadre italiane.

Il mondo della pallacanestro piange la prematura dipartita di Donzell Rush, trovato cadavere all’interno della sua camera da letto in circostanze ancora avvolte da un alone di mistero. Fra le prime ipotesi al vaglio degli inquirenti anche la possibilità che possa essersi trattato di un infarto fulminante. Donzell Rush è un volto molto conosciuto agli appassionati italiani di pallacanestro. Un giocatore che ha giocato nella serie A1 di basket durante il primo decennio degli anni 2000, diventato poi anche cittadino italiano per avere sposato una donna italiana. A dare la triste notizia della sua morte è stata la società Orlandina Basket, proprio una delle squadre italiane dove Rush ha militato mettendo in evidenza le proprie qualità cestistiche.

‘È stato con noi per una stagione – scrive l’Orlandina nella propria nota ufficiale – la seconda nella massima serie (2006-07), giocando tutte e 34 le gare di regular season’.

In Italia ha anche vestito le maglie di Scafati, Castelmaggiore, Osimo e Rieti, Reggio Calabria, Montecatini e Roseto prima di approdare in serie C2 nella file del Monte di Procida, l’ultima squadra con la quale ha concluso l’attività agonistica. Un vero e proprio nomade del basket italiano, capace di portare il proprio bagaglio tecnico un po’ ovunque. Molto amato soprattutto a Scafati. Fu lui uno dei primissimi stranieri ingaggiati dal sodalizio campano.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi