Fondo da 100 mln di dollari: la nuova vita di Kobe Bryant da imprenditore




kobe bryant imprenditoreNegli ultimi 20 anni – dal lontano 1996 – siamo stati abituati a vedere Kobe Bryant principalmente in una veste: quella dei Los Angeles Lakers, con cui ha insegnato basket sui parquet statunitensi e ha mandato più volte in visibilio i fan accorsi allo Staples Center per ammirare le gesta dei gialloblu californiani e in particolare del campionissimo originario di Philadelphia.

Adesso dovremo abituarci a vedere Kobe nella veste di imprenditore. Sì, perchè la celebre guardia – che ha annunciato il ritiro dal basket giocato nel 2016 – ha deciso di puntare ad una nuova avventura professionale: quella del venture capitalist, ovvero l’apporto di capitale di rischio da parte di un investitore per finanziare l’avvio o la crescita di un’attività in settori ad elevato potenziale di sviluppo.

Ed è proprio ciò su cui si è tuffato Kobe: stando a quanto riportato dal Wall Street Journal, l’ex stella dei Lakers avrebbe unito le forze con l’imprenditore 43enne Jeff Stibel (che ha già lanciato numerose compagnie di tecnologia e marketing, ndr) per costruire il fondo Bryant/Stibel.

I due partner hanno finanziato il progetto con 100 milioni di dollari: l’obiettivo è investire nell’area della tecnologia, nel mondo dei media e nel settore dei dati. Il tutto nell’area di Los Angeles.

La collaborazione tra Bryant e Stibel nasce in realtà già nel 2013: da allora, l’ex campione NBA e il noto imprenditore hanno già investito in una quindicina di aziende, ma solo adesso hanno deciso di formalizzare l’intesa.

Numerose le società in cui la coppia ha investimenti in essere: su tutte The Players Tribune, testata di informazione sportiva su cui gli atleti scrivono in prima persona, spesso rivolti alla platea dei giovani che puntano a imitare le loro gesta. Inoltre, troviamo il designer di videogiochi Scopely, la compagnia di servizi legali LegalZoom, una società produttrice di software per il telemarketing, RingDNA, e Juicero, costruttore di dispositivi casalinghi per la produzione di succhi di frutta.

I due, in un’intervista al Wall Street Journal, hanno spiegato di essere perfettamente complementari: Kobe si occupa della creatività nella preparazione sportiva e nel marketing (ha ideato lui il logo della società, ndr), Stibel mette l’esperienza nella costruzione di aziende.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi