NBA, mercato: Harden rinnova con Houston, triplo colpo per Memphis




mercato nbaNon solo cambi di casacca nel ‘pirotecnico’ mercato NBA delle ultime settimane. Le franchigie statunitensi stanno provvedendo anche a mettere a segno alcuni importanti rinnovi, in modo tale da evitare di perdere pezzi pregiati che possano magari andare a rinforzare qualche ‘rivale’.

Tra queste, gli Houston Rockets. Incassato il dietrofront di Alessandro Gentile, che ha deciso di restare all’Olimpia Milano, i texani hanno proposto un contratto ‘dorato’ a James Harden: quadriennale da 118 milioni di dollari (26.5 il primo anno, 28.3 il secondo, 30.4 per il terzo, 32.7 nell’ultimo). E il numero 13 di Houston ha detto sì, per la gioia del coach Mike D’Antoni: “Non ho avuto dubbi sul rinnovo con Houston – ha detto Harden – La mia vita è qui. La gente sottovaluta questa squadra”.

Ma quello di Harden non è l’unico rinnovo siglato nelle ultime ore, come riportato dall’infallibile Adrian Wojnarowski. I Miami Heat sarebbero ad un passo a continuare l’avventura sia con Udonis Haslem che con Tyler Johnson: quest’ultimo è tentato dai Brooklyn Nets, ma gli Heat avrebbero deciso di pareggiare la loro offerta. Nel frattempo, Miami si è anche assicurata le prestazioni di James Johnson e Wayne Ellington.

Anche Meyers Leonard e i Portland Trail Blazers continueranno insieme: quadriennale da 41 milioni di dollari per l’ala 24enne, che si trovava in regime di free agent. Stesso discorso per i New Orleans Pelicans, che avrebbero convinto Tim Frazier a rifirmare per la franchigia della Louisiana. Per lui pronto un contratto biennale da 4,1 milioni di dollari.

Triplo colpo per i Grizzlies: sbarcano a Memphis Troy Daniels, Deyonta Davis e Andrew Harrison. Fa scalpore il contratto firmato da Davis: triennale da 4 milioni di dollari, il più alto di sempre per un ‘rookie’ scelto al secondo giro.

Infine, news su Jared Sullinger: sembra proprio che i Boston Celtics abbiano rinunciato a puntare sul 24enne, ritirando la qualifyng offer. Notizia che non coglie di sorpresa: i Celtics avevano bisogno di ‘spazio’ per ingaggiare Al Horford. Sullinger diventa pertanto un ‘unrestricted free agent’.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi