Capo d’Orlando ancora sconfitta: adesso lo spettro della retrocessione è vicino




Capo d’Orlando viene sconfitta al Taliercio mentre Pesaro espugna Milano, adesso per i siciliani la situazione si complica maledettamente.

Capo d’Orlando, dopo la sconfitta patita al Pala Taliercio per 104-85, è scivolata in solitudine all’ultimo posto in classifica e adesso vede lo spettro di una retrocessione tanto amara quanto inattesa. A tre giornate dalla conclusione del campionato, il sodalizio siciliano è chiamato a compiere una autentica impresa per evitare di finire nella serie cadetta, complice anche l’inatteso e clamoroso successo di Pesaro che ha espugnato il Forum di Milano. Un match senza storia quello del Taliercio, condotto dalla squadra lagunare senza troppi patemi d’animo.

A Capo d’Orlando non è bastata l’ottima prestazione di Knox, autore di 25 punti e top scorer del match. Troppo fragile l’argine difensivo eretto da Mazzon, che è stato costantemente violato dalle bocche da fuoco veneziane, molto precise al tiro. I veneziani hanno toccato anche i 21 punti di vantaggio, sospinti anche dai canestri di Sosa, mvp del match e autore di 22 punti e 7 assist. Non è stato da meno il veterano, Thomas Ress (10 punti e 13 di valutazione) anch’egli punto fermo di una squadra capace di mandare a referto 12 giocatori. A Capo D’Orlando non bastano i quattro uomini in doppia cifra per evitare l’ennesima sconfitta con uno scarto importante sul parquet avverso. Adesso i siciliani sono atteso da tre ‘finali’ contro Cantù in casa e Cremona in trasferta per cogliere quattro punti che potrebbero ribaltare un destino che appare già scritto.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi