Europei, il commiato di Messina: “La squadra ha dato tutto”. Datome: “Usciamo a testa alta”

italia serbia europei messina datome




Fare l’impossibile non è bastato. L’Italia ha dato davvero tutto, ma di fronte aveva un avversario semplicemente più forte e probabilmente anche più abituato a queste sfide cariche di tensione agonistica, dove la posta in palio è altissima. L’Europeo degli azzurri termina ai quarti di finale, ed è un risultato che può essere visto con moderata soddisfazione e che dà slancio per puntare a migliorarsi e a tornare tra le prime potenze del Continente.

L’Italbasket dovrà continuare il suo percorso di crescita con un altro coach: quella di ieri, infatti, è stata l’ultima gara per Ettore Messina alla guida degli azzurri. Dalla prossima partita l’allenatore sarà Meo Sacchetti. Anche per questo Messina ha espresso il suo rammarico in conferenza stampa: forse il coach voleva lasciare regalando un traguardo ancora più prestigioso al basket italiano.

“Le statistiche parlano chiaro, la differenza a rimbalzo ha pesantemente condizionato la partita. È lì che ha pagato l’Italia – le parole dell’allenatore azzurro riportate dalla “Gazzetta” – La Serbia ha sfruttato al meglio una delle sue armi migliori, noi abbiamo provato a lottare su ogni pallone ma non è bastato. Chiudiamo nelle prime otto dell’EuroBasket, oggi va in archivio una grande estate per noi: abbiamo dovuto cambiare in corsa molte cose ma non ci siamo mai abbattuti”.

Messina, nel suo commiato, ringrazia tutti i suoi ragazzi “per aver giocato sempre con cuore e coraggio e per quanto hanno fatto dal primo giorno di raduno. Coesione, dignità e impegno ci hanno accompagnato dal 21 luglio”.

Le difficoltà a rimbalzo, dove la Serbia ha praticamente dominato, sono state messe in risalto anche da Gigi Datome, che però ha sottolineato il grande carattere di questa squadra. “Torniamo a casa a testa alta, abbiamo tenuto testa a tutti quelli che abbiamo incontrato – ha detto il giocatore del Fenerbahce – Uscire fa sempre male, ma forse siamo riusciti a fare anche di più di quello che potevamo. La squadra ha sempre combattuto, questo deve essere un punto di partenza”.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi