Boston è un rullo, Philadelphia ancora ko (108-103): Celtics sul 2-0

boston sixers




Due su due. Boston fa valere la legge del TD Garden e non dà scampo a Philadelphia: 2-0 per i Celtics, che non si arrendono nemmeno quando i Sixers volano sul +22 e conquistano un successo fondamentale (108-103). La serie ora si sposta in Pennsylvania, dove la truppa di Brown non potrà sbagliare nemmeno una virgola se vorrà ancora sperare nella qualificazione.

Quel che è certo è che il collettivo di Stevens sembra più solido di Embiid e soci. Oltre al trio delle meraviglie Rozier-Tatum-Smart, che già aveva dato spettacolo in gara 1, ieri sera si è aggiunto anche il rientrante Jaylen Brown, che ha superato il guaio al tendine del ginocchio destro.

E dire che la gara era cominciata con un monocolore Sixers. Un inizio, quello degli ospiti, che aveva letteralmente gelato il caloroso pubblico di casa: Redick è incontenibile, Saric sembra avere la mano caldissima e Philadelphia schizza addirittura sul +22. Dopo un primo match da dimenticare, ecco i veri 76ers, avranno pensato in molti: ma non bisogna mai tirare le somme troppo in anticipo, specie quando manca oltre metà partita.

A scatenare la rimonta dei Celtics è Al Horford, ben coadiuvato da Smart e Rozier: i Sixers sbandano e Boston recupera lo svantaggio, arrivando all’intervallo avanti 56-51. La reazione veemente di Boston si trascina anche nella ripresa, con Phila che non riesce a trovare le contromosse. Solo nell’ultimo quarto gli ospiti si destano dal torpore e cercano di rientrare in partita: Joel Embiid (20 punti) e Robert Covington (22) rimettono i 76ers in scia, ma quando Horford piazza il canestro del +5 a pochi secondi dalla sirena il pubblico del TD Garden capisce che è fatta.

Va sul 2-0 anche Cleveland, grazie ad un’altra prestazione fantascientifica di LeBron James: 43 punti, 14 assist e sette rimbalzi, che permettono a LBJ di diventare il primo giocatore nella storia dei playoff Nba a realizzare più di 40 punti con 14 assist. Toronto va di nuovo al tappeto (110-128) davanti ai propri tifosi: ora i canadesi sono chiamati ad una sorta di miracolo nei prossimi due match alla Quicken Loans Arena.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi